Taj Lucia - Il Salotto delle Idee

Ancora Jazz al Taj Lucìa - Salotto delle Idee. E domani sera dalle ore 21.00, sul collaudato palco messo a disposizione dalla Fondazione Rf Bancale, le condivise performance di Felice Tazzini al piano e Gino Fedeli a flicorno e tromba. Ciò, tra le note di “Brass Colours”. Costo ingresso: 7 euro. Fidelity card: 15 euro per tre serate della Rassegna. Info: 3385806359.


ebrei: l’intuizione razionale del Corriere

Un noto giornalista da inchieste, Aldo Cazzullo, e il più autorevole quotidiano italiano, il Corriere della sera, in una intervista al rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, hanno espresso intuizioni molto giustificate che sfuggono alla attuale conformistica deriva sionista. Chiede Cazzullo: ”Perché gli ebrei sono stati sempre perseguitati ovunque e da tutti?” Risposta :”E’ una scelta del Padreterno”(!).
Su un piano meno magico-metafisico e più concretamente antropologico, è invece il caso di chiedersi come mai un popolo così antico come gli Ebrei, già dal tempo di Egizi e Babilonesi, fino poi ai ghetti cattolici, ai pogrom russi, all’antisemitismo mittel-europeo, perché mai sono sempre risultati invisi, non come singolo ma come gruppo etnico, a tutti i popoli presso i quali si sono trasferiti? Quel narcisismo epigenetico per cui si autodefiniscono il “popolo eletto” e prediletto dalla loro divinità non rappresenta a conti fatti una molto spocchiosa e superstiziosa ossessione di perdenti? Non aver mai saputo legare con una miriade di popoli pur così diversi non legittima il pensiero che la risposta sia in loro e nella truce cultura del loro dio, (quello dell’omicidio di Isacco e del massacro di Gerico), di cui tanto si riempiono la bocca, realtà che li avrebbero tagliati fuori dal sentiero dell’empatia e della solidarietà tra diversi e paranoicamente concentrati solo su se stessi? E a Cazzullo che chiedeva sulla accoglienza ai migranti musulmani in Italia, così risponde il rabbino: ”Sono preoccupato. L’Europa è nata dopo Auschwitz, non vorrei che finisse con un’altra Auschwitz. Non so chi sarebbero questa volta le vittime. So che la migrazione incontrollata può provocare una reazione di intolleranza: ci andremmo di mezzo anche noi, e forse per primi”.
Questo piangersi sempre addosso e gettar irresponsabilmente benzina su paure collettive inconscie, aizzando così la piazza e l’opinione pubblica, ha fatto la fortuna del sionismo del dopoquerra. E continua Cazzullo: ”L’arrivo di migliaia di migranti musulmani è un problema per gli ebrei?”
Qui la risposta di un autorevole rappresentante di un popolo che, finchè gli è convenuto, ha per secoli sempre vissuto da migrante in terre altrui, è sprezzantemente all’opposto del minimo sentimento inter-religioso, inter-etnico e di soccorso, infatti risponde Di Segni : ”Non solo per gli ebrei, ma per tutti”. Poco ci manca che non ci inviti a ributtare i migranti a mare. Ma sul Giorno della Memoria vede chiaro (subconscio?) dicendo che “fa rischiare l’assuefazione, la noia e alla lunga il rigetto di chi dice:”Non ne posso più di questi ebrei che stanno sempre a piangere”. Ne siamo tutti convinti, ma meno male che lo dice lui poiché nell’Italia di oggi un cittadino non ebreo rischierebbe la gogna o una denuncia per antisemitismo. Che l’Olocausto sia stato uno dei maggiori scandali e nefandezze dell’intera storia umana non vi è dubbio, a livello mondiale. Sul piano strettamente italiano, invece, se si fa un Giorno della Memoria per i 7.500 ebrei italiani uccisi in due anni ad Auschwitz, allora se ne faccia anche un altro per i 9.500 italiani fucilati dai tedeschi in tre giorni di sangue a Cefalonia. Ma quelli purtroppo non si piangono addosso.


Nell'ultimo numero di NonCredo

LAICITA'
ebrei: l’intuizione razionale del Corriere P.Bancale
statistiche laiche: la fede non è giovane F.Patti
religioni senza pace V.Salvatore
elogio della laicità V.Salvatore
le cerimonie pubbliche statali “benedette” F.Rescigno
l’obiezione dei medici cattolici, la coscienza dei cittadini atei R.Carcano
laicità e diritti civili M.G.Toniollo
preghiere a scuola e avvocatura dello Stato V.Pocar
l’inchiesta: stato e religione A.Donati
l’inchiesta: vaticano real estate F.Tulli
l’inchiesta: qui risponde sagrestia Italia: il “santo rosario” o litania dei Comuni della Repubblica Italiana M.De Fazio
quanto è opportuno parlare del sesso del clero cattolico P.Bancale
disputationes laiche R.Morelli
libere opinioni
poetica: una preghiera laica A.Cattania
anche un testimonial pellerossa per il marketing del catechismo P.Bancale

RELIGIONI
Induismo e Buddhismo M.De Fazio
Archetipi - I Ching e Zodiaco cinese R.Tirabosco
la religione ebraica e Roma E.Galavotti
il macabro e sconcertante culto delle reliquie L.Ellena

L'UOMO
il coraggio e lo sforzo come sfida alla morte: Reinhold Messner C.Tamagnone

UMANESIMO
l’antichissima civiltà dell’Indo e del Saraswati M.Gentilezza
il cesaropapismo e le orifìgini politiche del cristianesimo E.Manuzzi
Krishnamurti R.Arpino
“Brand” di Henrik Ibsen D.Lodi
dalla plastica al cristallo, a proposito di matrimonio V.Pocar
due parole su Jonathan Swift G.Piazza

SCIENZE
dal NULLA il tutto F.Primiceri
diete alimentari nelle varie religioni P.D’Arpini

FILOSOFIE
il significato delle felicità nella cultura cinese del Tao R.Tirabosco
il troppo laico Bayle L.Berardi