diretta streaming da "il salotto delle idee"



TRE CONCERTI E TRE INCONTRI PER RACCONTARE TRE GRANDI STELLE DEL JAZZ
17 e 24 febbraio John Coltrane "A Love Supreme", 17 e 24 marzo Charlie Parker "La Leggenda di Bird", 31 marzo e 7 aprile Bill Evans "The Piano Poetry"


come è la libertà?

All’inizio del nono anno di NonCredo ho pensato di riunire tutti i miei scritti apparsi su questa pubblicazione in un volume che poi regalerò a chiunque vorrà chiedermelo. Esso inizia con una dedica a me cara ma che mi tocca riportare qui affinchè se ne comprenda il seguito:

a Lucia a Virginia a Tullia / le tre anime della mia vita / a cui aggiungo anche Libertà

Libertà? E perché nominare anche essa come “anima” della mia vita, assieme agli affetti più cari e irriducibili del mio vissuto? Sì, la debbo nominare perché da quando sono nato la sento e la vivo dentro di me proprio come “anima”, qualcosa che rende giustizia al vivere, e la sento, come l’illuminista Stuart Mill, quale pienezza della propria volontà avente come unico limite naturale la libertà degli altri. Il che equivale al suo corollario confuciano di non fare ad altri ciò che non vorremmo fosse fatto a noi. Noi tutti nasciamo liberi nel corpo, nella mente e nella psiche, ma, ahimè, è una libertà che dura poco: anzicchè essere poi educati alle libere scelte responsabili che formano il Cittadino, e diciamo anche l’Uomo e membro della propria Community naturale, veniamo incanalati dalle precettistiche delle varie religioni all’esercizio dell’obbedienza a norme immotivate, non allo iussum quia iustum ma allo iustum quia iussum, e da qui poi inizia la nostra catechizzazione forzata per renderci sia sudditi che “fedeli”acefali ed eterodiretti, al punto che ognuno, se conscio, potrebbe chiedersi: “ma in fondo cosa sono io? che cosa di veramente mio c’è in me e nel mio pensiero?”
L’etica che respira libertà è quella che ci indirizza al rispetto per gli altri, specie ai più diversi da noi, compresi gli avversari, è un’etica della cavalleria e della reciprocità, che si spende per i più deboli e non è finalizzata solo ai nostri vantaggi. Il colonialismo politico armato di spada e peggio ancora quello religioso armato di roghi hanno rappresentato e ancora rappresentano gli antipodi, l’antilibertà del vae victis, l’opposto dell’imperativo kantiano affinchè l’altro sia sempre un fine e mai solo un mezzo, e l’opposto altresì all’invito esistenziale al “non attaccamento” del buddhismo, quello che gli impedisce di fare proselitismi poiché ciò contraddirebbe alla sua regola di vita volta al distacco dagli interessi e al trascendimento del proprio ego. Dovremmo poter vivere in una società di eguali con la stessa libertà interiore che animava il solitario Robinson Crusoe. Le religioni purtroppo ci raccolgono già nella culla e ci separano da tutti con il loro riduttivo “noi”, realizzato con i loro divisivi riti di passaggio che ci vorrebbero segregare: battesimi, circoncisioni, scritture, tatuaggi, mantra, e renderci dei miliziani comandati a distanza. No! Che ognuno possa essere una monade, un atomo, un neutrino munito di coscienza nell’incommensurabile mistero che ci avvolge. Che la bussola della nostra libertà possa sempre essere la consapevolezza che la realtà del mondo degli umani sottindende l’immanenza del dolore, della sofferenza, della delusione e della ingenua e colpevole illusorietà della speranza rispetto al “come stanno realmente le cose”.
Un antidoto? Libertà, giustizia e amore. E’ su questo che ho costruito NonCredo.


Nell'ultimo numero di NonCredo

ETICA-LAICITA'
come è la libertà? P.Bancale
religioni senza pace V.Salvatore
elogio della laicità V.Salvatore
questa è l’Italia che non c’è F.Rescigno
la progressiva laicizzazione E.Galavotti
lo Stato laico come comunità integrata e solidale P.Bancale
consuntivo del 2016 in chiave di laicità M.G.Toniollo
omaggio al laico Veronesi D.Lodi
i cappellani militari F.Tulli
l’Eutanasia prevista dalla teologia protestante S.Rostagno
i falsi parroci: una frode del Vaticano al Concordato M.Rocchi
il confine sottile tra mafia e religione cattolica L.Immordino
disputationes laiche R.Morelli
diritto internazionale, Santa Sede e Città del Vaticano M.Vernassa
annullate in Italia le trascrizioni di nozze gay all’estero V.Pocar
il Corriere della Sera del pregiudizio R.Carcano
una incongrua e sviante trinità P.Bancale

RELIGIONI
le sètte sataniche L.Ellena
scomunicato E.Manuzzi
natura, miti e panteismo R.Tirabosco
un esempio ignorato: chiesa gallicana e Stato laico A.Carone
il ruolo della dea Kalì nella religione indù R.Arpino
NonCredenti presenti nella varie nazioni

L'UOMO E IL SE'
la ricerca sul senso della vita per i NonCredenti E.Lecaldano
moglie, sposa, coniuge, fidanzata, partner o compagna? G.Piazza

PENSIERO UMANISTICO
il sacro e il profano nell’arte figurativa G.Serafini
il teatro e la religione D.Lodi
l’ateo Dario Fo e la religione D.Lodi

PENSIERO SCIENTIFICO
la felicità: dono, sensazine o condizione? C.Tamagnone
la grandiosità dell’Universo e la pochezza dei vari dii nei tanti credi religiosi C.La Torre

PENSIERO FILOSOFICO
la laicità dello Stato come garanzia della dignità della persona umana A.Donati
il Vedanda che affascinò tanti filosofi dell’Occidente P.d’Arpini